Zibaldone

FORUM

Ventisette dicembre 2006

In Tv a Forum, 27 dicembre 2006, ecco la solita manfrina sul problema di quegli studenti universitari che - per avere quattro soldini - debbono lavorare diverse ore impiegando però molto più tempo del dovuto per laurearsi. Il caso in esame è piuttosto problematico perché si tratta di un ragazzo di ventisei anni ancora a metà studi, mezzo fuori casa e mezzo no, che lavorando un po' qui e un po' là guadagna quanto basta per avere al massimo un letto, in pratica 500 Euro al mese. Una stanza a Roma ne costa infatti 400 e lui, fra una cosa e l'altra, non sa più che fare. La giudice Lagostina Bassi, donna di pensiero (e di modi squisitamente femminili), a processo terminato analizza la cosa per un paio di minuti ma senza poter ovviamente far quadrare il cerchio.

I problemi sono molteplici: mancanza di alloggi per studenti, mancanza di strutture eccetera. Ma io dico che non si tratta tanto di quadratura, quanto piuttosto di una possibile fregatura. Un lavoro gratis si inquadra sempre per forza in una di queste due situazioni: o volontariato o fregatura. Se lo studente fosse - per principio - un lavoratore come gli altri, si tratterebbe di fregatura o volontariato? Come volontariato sembrerebbe un poco strano. Non è forse vero che bisogna studiare, nella vita?

(Vedi Lettera alla Scuola capitolo "La Bottega")

Indietro